#marsalawine, ecco perchè Garibaldi aveva visto giusto…

P1050139Dopo l’intensa tre giorni di #Marsalawine2013 abbiamo ben capito perché Giuseppe Garibaldi scelse proprio Marsala per sbarcare in Sicilia e dare il via all’impresa dei Mille che unì l’Italia. Motivazioni strategiche-militari? Sicuramente (come sapientemente ricordato dallo studioso Luigi Giustolisi, premiato alla carriera), ma chi altro sarebbe riuscito a resistere alle tentazioni a base di calice profumato di Marsala, altri pregiati vini, golose ricette e diffusa solarità? Noi, ospiti della città Capitale Europea del Vino 2013, lo abbiamo ben compreso. Allora vi guidiamo in tour che definire “enogodereccio” è poco. Dopo l’ingresso cittadino da Porta Garibaldi (non poteva essere altrimenti) ecco l’Antico Mercato, i cui portici di origini spagnole ospitano banchi di pesce fresco e profumate spezie. Occhio perché lo stesso spazio cambia volto al tramonto, diventando il centro della vita notturna con locali da aperitivo e dopo cena (spostate l’orologio di un paio d’ore in avanti, rispetto alle abitudini del “continente”). Marsala affascina per il suo stile barocco, le sue chiese finemente restaurate ma è il profumo del Marsala Doc a rapire. Imprescindibile una visita delle storiche Cantine Florio, nate nel 1833 per fare concorrenza a colui che, nel 1773, la vide lunga e inventò il Marsala: l’inglese John Woodhouse. P1050071Qui Donna Florio (detta la “Regina di Palermo” soprattutto per le sue mani bucate) sembra ancora oggi aggirarsi tra gli infiniti corridoi fatti di antiche botti. Secco o semi-secco (esiste anche la versione dolce, ma la produzione è ormai di nicchia o quasi), gustare il Marsala (da uve Grillo, Catarrato, Inzolia e Damaschino) nelle Cantine Florio è un’esperienza sensoriale che un vero eno-turista (sono 30 mila le visite annue) non può perdersi. Anche per provare gli “insoliti” abbinamenti con il Parmigiano Reggiano e il Gorgonzola dolce. Marsalawine ha permesso, inoltre, di conoscere faccia a faccia grandi interpreti della viticoltura siciliana come Donnafugata, Marco De Bartoli, Benanti, Duca di Salaparuta toccando con mano la grande crescita qualitativa in corso. Tra le degustazioni allestite da Ais nel cinquecentesco Complesso di San Pietro, la scelta si è concentrata sulle grandi annate dei Bianchi di Sicilia. Gli autoctoni Grillo, Carricante, Cataratto e Inzolia e quindi lo Chardonnay certificano come i vini siciliani stiano percorrendo la rotta della qualità con grande concretezza, esaltando la loro identità territoriale. Lasciati (fortunatamente) per strada gli eccessi di legno e dell’esasperata ricerca di gusto internazionale, ecco un meritato e maggiore spazio all’acciaio e quindi al frutto e ad una terra unica. Assolutamente da assaggiare i Grappoli del Grillo 2001 (100% Grillo) di Marco De Bartoli (meritatamente premiato con la prima edizione del Premio Marsalawine 2013) e l’Etna Bianco Superiore Doc Pietramarina 2008 di Benanti (100% Carricante). Altra tappa da mettere in scaletta è la visita delle antiche cantine marsalesi di Donnafugata (che risalgono al 1851). P1050190La splendida Salina Ettore e Infersa nella Riserva dello Stagnone – di fronte all’isola di Mothia, tra Marsala e Trapani lungo le vie del Sale di Trapani Igp – è la più suggestiva cartolina che resta impressa di questo angolo di Sicilia occidentale. Al palato, inoltre, restano nitide tracce delle golosissime arancine, i “timballini” alla Norma, i busiati con sugo di pesce, le sarde a beccafico di Riccardo Sala di Torre di Occidente, i marinati di mare di Gabriele Li Mandri dell’Osteria Il Gallo e l’Innamorata; il pesto alla trapanese del giovanissimo chef Emanuele Russo de Le Lumie (che rappresenterà l’Italia al prossimo Cous Cous Festival, dal 24 al 29 settembre a San Vito Lo Capo), la cassata di Alagna e la granita al caffè dell’Antica Pasticceria De Gaetano. Mica scemo Garibaldi!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bevuti per Voi, Eventi, News e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a #marsalawine, ecco perchè Garibaldi aveva visto giusto…

  1. Donata ha detto:

    Prima o poi tornerò in questa terra favolosa, e farò tesoro delle informazioni che mi avete fornito. Grazie!!!

  2. Stefania O ha detto:

    No, mi hai convinta, non fu scemo! ;)
    P.s. Tutto sapientemente raccontato. Solo due appunti: essendo nella Sicilia occidentale avrai sicuramente mangiato LE arancinE e le sarde si dicono “a beccafico”… il resto è storia! ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...