Le bollicine pronte ad invadere Parma

Una location esclusiva per un evento da non perdere per gli appassionati di bollicine. E’ quello che vedrà protagonisti 40 produttori e oltre 120 eccellenze da degustare all’interno della prestigiosa Reggia di Colorno a Parma con l’evento promosso dall’Associazione culturale “Bollicine… Mon Amour”. La manifestazione, nata con l’intento di valorizzare e promuovere le piccole realtà produttive di bollicine Metodo Classico ed i loro territori, quest’anno spegnerà quattro candeline e per l’occasione non mancheranno conferme, novità ed iniziative di grande interesse. A partire dalla location: grazie all’impegno della Provincia di Parma e del Comune di Colorno la manifestazione si svolgerà nella prestigiosa Reggia di Colorno con i suoi magnifici giardini alla francese, da poco restaurati. Teatro delle due giornate sarà infatti il piano nobile della Reggia, con le sue bellissime stanze di fine XVI secolo messe completamente a disposizione dei partecipanti. Confermata, inoltre, le presenze dei produttori che sono stati il cardine delle precedenti edizioni ed inoltre hanno aggiunto importantissime chicche e new-entry. “Per quanto riguarda il panorama italiano – spiegano gli organizzatori – la manifestazione quest’anno si arricchirà delle pluri-premiate “bollicine” trentine di Nicola Balter, I visitatori potranno inoltre fare un viaggio nella storia della Franciacorta grazie alla presenza delle cantine Bersi Serlini già attive sin dal 1886. Altra novità del made in Italy nell’edizione 2012 sarà l’azienda biodinamica Casa Caterina, dove i fratelli Aurelio ed Emilio Del Bono hanno rinunciato da anni alla Docg Franciacorta, nonché ai suoi vantaggi, per non dover imporre nessun limite burocratico all’estro che caratterizza da sempre le proprie produzioni. Viaggiando attraverso tutto lo Stivale si arriva a Trani e a quella che è un’altra sorprendente novità di quest’anno, ovvero le “Estasi” di Franco Di Filippo, “bollicine” ottenute da uve Moscato Reale (solitamente utilizzate per la produzione del celebre vino passito) portate a sovra-maturazione e vinificate secondo i dettami del Metodo Classico. Anche per quanto riguarda il fronte francese previste numerose novità, a partire dalla presenza, per la prima volta, dell’importante Maison Piper-Heidsieck, fondata a Reims nel 1785, e già famosa per essere divenuta il récoltant-manipulant ufficiale della regina Maria Antonietta. Altra novità 2012, nonché chicca enologica, saranno le bollicine della Maison Champagne de la Renaissance, vini che sono diventati per la produttrice Nelly Dhondt una vera e propria forma di “rinascita” dalla grave malattia da cui è uscita grazie alla tenacia e alla voglia di emozionare con i suoi spumanti. Direttamente da Hautvillers, il paese d’origine di Dom Perignon e delle sue prime “elaborazioni”, arriva un’altra sorpresa per i visitatori, la Maison Thibaut coi i suoi Champagne che riecheggiano di storia”. Per entrambi i giorni della manifestazione sarà eccezionalmente operativo per i visitatori il ristorante gestito dalla Scuola Internazionale di Cucina Alma, che proporrà prelibati menu ideati ad-hoc per l’evento. Il programma prevede sabato 17 novembre l’apertura degli spazi dalle 12 alle 20 e domenica 18 novembre dalle 11 alle 20. Il costo del biglietto è di 20 euro al giorno e di 28 euro per entrambe le giornate.  Per altri dettaglio e informazioni cliccate qui.

 

Questa voce è stata pubblicata in Eventi, News e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...