Vernaccia vs. Chenin Blanc che sfida!

Il confronto tra la Vernaccia di San Gimignano e le interpretazioni dello Chenin Blanc della Loira che ha caratterizzato l’Anteprima 2012 di San Gimignano è stata di assoluto livello. Nella suggestiva Sala Dante di Palazzo Comunale, di fronte alle splendide opere di Lippo Memmi, Ernesto Gentili e Letizia Cesani hanno condotto la settima edizione del confronto tra la Vernaccia di San Gimignano e un’altra grande espressione di bianchi. La scelta di presentare 5 tipologie di Chenin Blanc fatta da Gentili è stata decisamente azzeccata ed ha permesso di assaggiare vini di grande fascino e carisma. Ottima anche la selezione delle 7 diverse Vernacce, introdotte ciascuna dalla presentazione del produttore, chi molto dettagliatamente chi più velocemente. Queste le tipologie presentate in assaggio alla folta rappresentanza di giornalisti arrivati da tutto il mondo: Vernaccia di San Gimignano Tropie 2010 Il Lebbio; Riserva Ori 2009 Il Palagione; Angelica 2008 Fattoria San Donato; Riserva 2007 Fonteleoni; Riserva I Mocali 2007 Vagnoni; Riserva Isabella 2005 San Quirico e Carato 2002 di Montenidoli. Difficile sceglierne una, perchè la Vernaccia ha davvero mostrato tutto il meglio di sé, a conferma di un grande percorso di crescita fatto in questi anni dai produttori della denominazione più antica d’Italia. Senza nulla togliere agli altri e oltre alla straordinaria proposta di Elisabetta Fagiuoli, per la prima volta protagonista dell’Anteprima, va sottolineata la grande espressione della Vernaccia di San Quirico, annata 2005. Per lo Chenin Blanc sono state proposte 5 versioni tutte rigorosamente biologiche: Montlouis-sur-Loire Mineral+ 2010 di Domaine Frants Saumon; Vouvray Sec Le Monte 2010 Domaine Huet; Saumur Entre Deux Voyes 2009 P’tit Domaine; Saumur L’Insolite 2009 Domaine des Roches Neuves; Savennières Coulée de Serrant 2008 Coulée de Serrant dell’ “estremista” Nicolas Joly. Della batteria dei cinque francesi è emersa una grande sapidità ed acidità che, personalmente, ho apprezzato molto in particolare nell’interpretazione di Domaine Frantz Saumon e nella versione biodinamica di Nicolas Joly.

Questa voce è stata pubblicata in Bevuti per Voi, Eventi, News e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...