Arezzo Terra di Vino, buona la prima

Lungo la Strada del Vino Terre di Arezzo fare sistema non è un semplice proclama. Con la prima edizione di Arezzo Terra diVino è andato in scena il modo migliore per promuovere un territorio, fare squadra tra produttori con l’obiettivo comunque di garantire conoscenza e quindi cultura. D’altronde se già Cosimo III de’ Medici nel 1716 delimitava il Valdarno di Sopra come una delle prime Doc toscane (in realtà il riconoscimento oggi deve ancora diventare realtà ma il nuovo disciplinare è stato intanto definito) un motivo c’era. Da queste parti tengono banco ben 4 realtà da seguire: oltre al Valdarno di Sopra, ci sono infatti le Doc Cortona (caratterizzata soprattutto dal Syrah), Valdichiana (con i bianchi ma il Sangiovese e più recentemente il Merlot) e il Chianti (oltre al Sangiovese ci sono interessanti espressioni anche di Pugnitello, Foglia Tonda e Canaiolo). Ma è sempre da queste parti che ci sono esempi singolari come il Caberlot (fenomeno veramente unico, frutto dell’unione dei cloni di Cabernet Sauvignon e Merlot) oppure il Sangiovese spumantizzato prodotto con il Metodo Classico tipico dello Champagne. L’unico cruccio è sicuramente l’identità (non facile individuarla, visto l’ampiezza delle proposte e dei vitigni utilizzati) ma, di questi tempi, va innanzitutto applaudita la voglia dei produttori di riunirsi, mettendo nell’angolo gelosie ed invidie spesso troppo miopi. Bravi quindi gli organizzatori della Strada del Vino, a partire dall’ideatore Cristiano Cini, che hanno realizzato la prima edizione coinvolgendo numerosi giornalisti di profilo nazionale in una tre giorni ad Arezzo che si conclude oggi venerdì 7 maggio. Questi i vini degustati nel suggestivo Spazio Lebole nel centro di Arezzo con la “guida” di Daniele Cernilli:

1) Trebbiano di Toscana Igt Tenuta Vitereta 2007: profumi molto intensi con note affumicate e minerali, acidità quasi salmastra in bocca.

2) Pugnitello 2008 Toscana Igt Mannucci Droandi: interessante espressione del vitigno Pugnitello che ha origini molte antiche; note floreali e fruttate al naso; in bocca il tannino esprime la sua potenza dando al vino un’ottima persistenza.

3) Galatrona 2008 Toscana Igt Fattoria Petrolo: uno dei vini di punta della zona del Valdarno di Sopra ma che nasce in un’area a pochi passi dal territorio del Chianti Classico. Il Merlot sprigiona profumi che richiamano il tabacco e conferisce eleganza in bocca.

4) Sangiovese 2007 Toscana Igt Camperchi: grande espressione del Sangiovese, con profumi di amarena e viola; grande struttura e sapidità in bocca. Ideale per esaltare i prodotti tipici aretini e non solo.

5) Siro 2007  Toscana Igt Fattoria Gratena: il Gratena è un vitigno autocotono in fase di omologazione. Sono solo 2000 le bottiglie di questa piccola azienda. Al naso si percepisce la maturità del frutto mentre in bocca denota di avere i presupposti per invecchiare molto bene.

6) Tiratari 2007 Toscana Igt Villa La Ripa: al Sangiovese si aggiungono percentuali di Merlot e Syrah per un profilo olfattivo originale. Anche in questo caso si tratta di un vino di prospettiva.

7) Caberlot 2007 Toscana Igt Podere Il Carnasciale: dalle parti di Bucine 6 anni fa è nato questo vino frutto dell’incrocio clonale di Merlot e Cabernet Sauvignon. Ne nasce un vino inavvicinabile nei costi (prodotto solo nella versione magnum da 250 euro l’una!) ma decisamente elegante e che una volta nella vita vale la pena provare.

8) Il Bosco 2007 Cortona Doc Tenimenti Luigi D’Alessandro: Syrah in purezza con profumi di spezie e arance rosse e bocca molto elegante. Tra qualche anno sarà ancora migliore.

9) Pian del Piazzo 2003 Toscana Igt Fattoria La Traiana: nonostante
l’annata difficile a causa del gran caldo si tratta di un Cabernet Sauvignon molto interessante. Grande colore, al naso profumi speziati e in bocca è decisamente interessante.

Questa voce è stata pubblicata in Bevuti per Voi, Eventi, News e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...