Regali: incartiamo il gusto!

Siamo certi che state girando ansiosi tra i negozi alla ricerca di regali e non trovate l’idea giusta. E’ fonte di stress lo shopping natalizio e ci sono anche esperti di comportamenti, psicologi, psicoterapeuti, che danno i consigli su come superare questo “difficile” momento… Certamente dopo aver regalato cravatte e reggiseni, maglioni e sciarpe, si vorrebbe avere l’illuminazione e mettere nel pacchetto infiocchettato il regalo eccezionale. Allora mettiamoci del cibo o del vino! Non vi provate a dire che questo lo fanno le aziende nei pacchi dono per clienti e dipendenti. Lì i prodotti sono sempre gli stessi (salami, formaggi, bottiglie di spumante, qualche cioccolatino e per quelli che avranno fortuna nel nuovo anno, anche zampone e lenticchie), noi vogliamo suggerire qualcosa di diverso, di speciale. Premettiamo che sono regali per golosi, gourmet, gente godereccia. Severamente vietati per chi come piatto preferito dichiara la pasta all’olio.

Dunque qualche consiglio: il vostro obiettivo è sorprendere un amico goloso di cioccolata? Ci sono dei paradisi stile Choccolate dove si spazia da cioccolatini al peperoncino, alla senape, fino ai più banali all’arancia o al caffè. Immaginate la faccia che farà l’amico quando già dall’aroma capirà che quest’anno non gli è toccata la solita agenda di finta pelle. Molto “in” o “cool” potrebbe essere regalare un vino francese, e c’è  l’imbarazzo della scelta: dai fragranti Champagne ai fantastici rossi della Borgogna e di Bordeaux, i dolcissimi Sauternes. Non siamo provinciali, lo sappiamo che anche Chianti, Nobile e Brunello sono eccezionali ma sicuramente più facili da trovare di un vino d’Oltralpe. Alla bottiglia possiamo abbinare anche due calici come invito a sorseggiarlo. Cin cin.

Poi ci sono quelli che alla vista delle salse per formaggi impazziscono, facciamoli contenti con una ricerca minuziosa dei vasetti con confetture alle cipolle, al peperoncino, a fichi e noci, all’aceto balsamico ecc. ecc. Abbiniamoli ad una piccola forma di formaggio invecchiato in foglie di vite e tenuto in cantina sopra una botte di rovere. Un mix di sapori da lacrime di commozione! Altro regalo originale può essere spezie o sale, ovviamente non quelle del supermercato. Qui bisogna ricercare originalità e design, tipo coriandolo del Madagascar presentato in un contenitore di acciaio inox disegnato da Dolce e Gabbana. Bel colpo! Ma va bene anche un macina pepe con dentro il sale nero di Cipro con caratteristiche eccezionali da far dire ai maestri di cucina che “non può mancare in dispensa”. Se poi proprio volete sorprendere regalate una cena in un ristorante della guida Michelin di quelli con lo chef che vi accoglie con baciamano, il cameriere enuncia le meraviglie del menù ed il sommelier staziona per tutta la serata alle vostre spalle pronto a mescere il vino. Bon appetit!

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...