La riscossa del fritto

Ma come è possibile che dopo anni da convinti avversari del fritto, dobbiamo scoprire, in un lunedì a caso, che la carne, il pesce, le verdure cotte nell’olio non fanno male? Un colpo all’improvviso… ma non era nocivo l’olio che bolle ad alte temperature? Non si rischiavano malattie cardiovascolari? Ma il fritto non è di difficile digestione? Ma non era da evitare come la peste, specialmente se si è a dieta? Potremmo anche allungare la lista delle domande ma la risposta della parte avversaria è sempre la stessa… “Sì però è buono!”. Ed ora ad avvalorare la tesi dei “frittaroli” ci si mette anche uno studio di un gruppo di nutrizionisti curato da Fusan, la fondazione per lo studio degli alimenti e della nutrizione. Si sdogana il fritto però con le raccomandazioni di stare attenti nella scelta dell’olio, di non farlo riscaldare oltre i 180 gradi e ovviamente di non mangiarlo tutti i giorni. Insomma se mangi sano per tutta la settimana, vai in palestra tutti i giorni, e godi di buona salute, puoi fare uno strappo alla regola e mangiarti la frittura di pesce e le patatine. Comunque sia, noi convinti avversari del fritto, continuiamo a pensare che l’olio è meglio usarlo crudo e non tanto per la dieta quanto per una serie di malattie che vanno dal colesterolo a molto peggio… E poi che puzza nei locali dove ci sono le friggitrici! Però non dobbiamo essere proprio talebani e poi come dite voi? Sì però è proprio buono…

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La riscossa del fritto

  1. Paolo ha detto:

    Io invece sono un convinto sostenitore del fritto però non si trova più chi lo fa croccante e non intriso d’olio. Avete qualche ristorante da segnalarmi?
    Grazie, saluti

    • winebloggers ha detto:

      Se sei dalle nostre parti, ovvero in provincia di Siena, ti segnalo che l’Antico Detto di Vagliagli, nel cuore del Chianti, organizza una serata dedicata al fritto per venerdì 19 novembre. Menù a prezzo fisso a 28 euro. A Firenze, invece, ho mangiato una frittura di pesce da non credere all’ “Osteria da què ganzi” in via Ghibellina. A presto

  2. Irene ha detto:

    Io aspetto sempre che frigga qualcun altro per scroccare… comunque anche se ogni tanto non fa male io non abuso. Ma perchè tutto ciò che fa male è troppo buono!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...