La guida alle guide…

In autunno arrivano i funghi, le castagne e… le guide. Con puntualità svizzera sono state presentate quelle firmate da L’Espresso (a Firenze) e dal Gambero Rosso (a Roma) e presto ne arriveranno altre, su tutte quella nuovissima di Slow Food che sarà svelata a fine mese a Torino. Più che di quelle del vino ci vogliamo occupare di quelle dei ristoranti. Se nel calcio il Pallone d’Oro di France Football e il Fifa World Player sono sempre, o quasi, allineati sullo stesso giudizio, nelle guide raramente accade.

Secondo L’Espresso e la sua “I ristoranti d’Italia 2011” il trio meravigliao è composto da Massimo Bottura (La Francescana di Modena), Gianfranco Vissani (il “suo” Vissani in provincia di Terni) e i fratelli Alajmo (Le Calandre nel padovano). Il podio cambia sfogliando “Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso 2011”. Al primo posto troviamo Heinz Beck, tedesco ma romano d’adozione de La Pergola dell’Hotel Hilton di Roma seguito da Gennaro Esposito de La Torre del Saracino in provincia di Napoli. Poi, ecco Gianfranco Vissani unico elemento che accomuna le due guide. Molto più indietro per il Gambero, invece, Bottura. La Toscana, nostra terra di adozione e non solo, appare ma non al top.

Queste le principali segnalazioni dei ristoranti made in Tuscany:

Enoteca Pinchiorri Firenze (sui 320 euro)                                                                          Lorenzo di Forte dei Marmi (100 euro)                                                                                      Da Caino a Montemerano –Grosseto (120 euro)                                                                  Tenda Rossa di San Casciano (100 euro)                                                                          Arnolofo di Colle Val d’Elsa (105 euro)                                                                                    Romando a Viareggio (90 euro)                                                                                                      Il Canto della Certosa di Siena (100 euro)                                                                                    Il Pellicano di Porto Ercole (160 euro)                                                                                            Bracali a Massa Marittima (140 euro)                                                                              Magnolia del Byron a Forte dei Marmi (90 euro)

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...