Etichette d’artista in mostra con Nittardi

Con “una foglia di vite che si rallegra del nobile vino che riempie il bicchiere” è sempre più forte il connubio tra arte e vino alla Fattoria Nittardi di Castellina in Chianti. L’azienda di Peter Femfert ha infatti presentato a Firenze la nuova etichetta per l’annata 2009 del suo Chianti Classico “Casanuova di Nittardi” firmata dall’artista belga Pierre Alechinsky. Non solo: Firenze sarà la prima città in Italia ad accogliere, con ingresso libero alla Galleria del Palazzo Coveri (fino a venerdì 28 ottobre e poi a Roma, dal 17 novembre al 26 novembre 2011, nella Galleria Edieuropa nello storico Palazzetto Cenci) l’affascinante collezione delle etichette e delle carte seta, giunte all’edizione numero 29. Pierre Alechinsky, grande artista di fama internazionale ed esponente di spicco del famoso gruppo Co.Br.A è uno degli autori più importanti e rappresentativi dell’arte moderna. Prima di lui celebri artisti come A.R. Penck, Yoko Ono, Corneille, Mitoraj, Emilio Tadini, Arroyo, Giuliano Ghelli, Valerio Adami, Mimmo Paladino, Tomi Ungerer, Friedensreich Hundertwasser e, per l’annata 2008, il Premio Nobel per la Letteratura Günter Grass, hanno contribuito a realizzare un’autentica galleria di capolavori “in bottiglia” in edizione limitata. Peter Femfert e la moglie Stefania Canali, proprietari dal 1981 della storica Fattoria Nittardi, situata nel cuore della Toscana tra Siena e Firenze e originariamente appartenuta a Michelangelo Buonarroti, hanno scelto Pierre Alechinsky per la realizzazione della XXIX edizione dell’etichetta e della la carta seta che avvolge la bottiglia, per il suo tocco leggero e la sua ricerca stilistica, caratterizzata da una continua invenzione di segni, tra scrittura e immagine, animati sempre da una sottile ironia. Alechinsky adora dipingere su questi vecchi e stropicciati documenti e li utilizza come fossero una tela. La stessa tela, che l’artista ha utilizzato con diverse tecniche nel corso della sua carriera: già negli anni cinquanta, ne utilizzava di grandi dimensioni e le posava direttamente per terra, non per “scaraventarvi” i colori, stile distintivo di Jackson Pollock, ma, come afferma lo stesso autore, “perché così il pennello scorre più liscio”, dipingendo con pennelli calligrafici di pelo di cavallo giapponese. Anche i vini, ovviamente, sono decisamente all’altezza. Oltre al Chianti Classico “Casanuova di Nittardi” e alla Riserva“Nittardi”, ottenuti principalmente da uve Sangiovese, la Fattoria Nittardi, estesasi all’inizio degli anni 2000 anche in Maremma, produce il prestigioso “Nectar Dei””, vino principe dell’azienda, e il giovane cuvée di Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Sangiovese “Ad Astra”, entrambi Igt Maremma Toscana.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Eventi, News e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...